Smorfia Napoletana: i numeri da 1 a 90

Oggi parlerò della Smorfia Napoletana, spiegando cos’è esattamente ed elencandone i numeri da 1 a 90.

Smorfia Napoletana: cos’è?

La Smorfia Napoletana è una sorta di dizionario, legato al gioco del Lotto, che abbina un numero da 1 a 90 a un vocabolo o una frase. Il nome Smorfia ha origine incerta e si suppone derivi dal nome Morfeo, il dio greco del sonno; infatti, per tradizione, è proprio dai sogni che si ricavano i numeri da giocare al Lotto. Secondo la Smorfia Napoletana, se, per esempio, abbiamo sognato una persona deceduta che ci stava parlando, giocheremo il numero 48, ” ‘O muorto che pparla”.
Questa cabala ha origini antichissime, tanto che una volta veniva trasmessa oralmente e, quando ha iniziato a essere trascritta, non aveva immagini.
La Smorfia di Napoli è quella più famosa, ma esistono anche altre smorfie legate ad altre città.
Per Smorfia si intende anche un libro, dove, oltre al numero corrispondente, possiamo trovare un’interpretazione del sogno.

Smorfia Napoletana: i numeri da 1 a 90

1   L’ Italia   (l’Italia)

2   ’A criatura  (la bambina)

3   ’A jatta  (la gatta)

4   ‘O puorco  (il maiale)

5   ’A mana  (la mano)

6  Chella ca guarda’ nterra  (quella che guarda a terra)

7  ‘O vasetto  (il vaso da notte)

8   ‘A Maronna  (Madonna)

9  ‘A  figliata  (la figliolanza)

10  ‘E fasule  (i fagioli)

11  ‘E surici  (i topi)

12  ‘E surdate   (i soldati)

13   Sant’ Antonio

14  ‘O mbriaco  (l’ubriaco)

15  ‘O guaglione  (il ragazzo)

16  ‘O culo  (il culo)

17  ‘A disgrazia  (la disgrazia)

18  ‘O sanghe  (il sangue)

19  ‘A resata  (una risata)

20  ‘A festa  (la festa)

21  ‘A femmena  annura  (la donna nuda)

22  ‘O pazzo  (il pazzo)

23  ‘O scemo  (lo scemo)

24  ‘E  gguardie  (le guardie)

25   Natale

26   Nanninella  (Piccola Anna)

27  ‘O cantero  (il pitale)

28  ‘E  zzizze  (le tette)

29  ‘O pate d’’e criature  (il padre dei bambini)

30  ‘E palle d’’o tenente  (le palle del tenente)

31  ‘O patrone ‘e casa  (il padrone di casa)

32  ‘O  capitone  (il capitone)

33   Ll’ anne ‘e Cristo  (gli anni di Cristo)

34  ‘A capa  (la testa)

35   l’ Aucielluz  (l’uccello)

36  ‘E ccastagnelle  (le nacchere)

37  ’O monaco  (il monaco)

38  ‘E mmazzate  (Le botte)

39  ‘A fune n’ganna  (la fune  al collo)

40  ‘A paposcia  (la noia)

41  ‘O curtiello  (il coltello)

42  ‘O ccafe’  (il caffè)

43  ‘A  donna o barcone (la donna al balcone)

44  ‘E  ccancelle  (la prigione)

45  ‘O vino  (il vino)

46  ‘E denare  (il denaro)

47  ‘O muorto  (il morto)

48  ‘O muorto che pparla  (il morto che parla)

49  ‘O piezzo ‘e carne  (il pezzo di carne)

50  ’O ppane  (il pane)

51  ‘O ciardino  (il giardino)

52  ‘A mamma  (la mamma)

53  ‘O viecchio  (il vecchio)

54  ‘O cappiello  (il cappello)

55  ‘A museca  (la musica)

56  ‘A caruta  (la caduta)

57  ‘O scartellato  (il gobbo)

58  ‘O paccotto  (il regalo)

59  ‘E pile  (i peli)

60   Se  lamenta  (un male)

61  ‘O  cacciatore  (il cacciatore)

62  ‘O muorto acciso  (il morto ammazzato)

63  ‘A sposa  (la sposa)

64  ‘A sciammeria  (la marsina)

65  ‘O chianto  (il pianto)

66  ‘E ddoie zetelle  (le  due zitelle)

67  ‘O totaro  int’ a chitarra  (il totano nella chitarra)

68  ‘A zuppa cotta  (la zuppa cotta)

69   Sott’e ncoppa  (sottosopra)

70  ‘O  palazzo  (il palazzo)

71   l’ ommo  ‘e merda  (uomo di merda)

72  ‘A meraviglia  (lo stupore)

73  ‘O spitale  (l’ospedale)

74  ‘A rotta  (la grotta)

75   Pullecenella  (Pulcinella)

76  ‘A funtana  (la fontana)

77   Le riavule  (i diavoli)

78  ‘A bella figliola  (la bella figliuola)

79  ‘O mariuolo  (il ladro)

80  ‘A vocca  (la bocca)

81  ‘E sciure  (ifiori)

82  ‘A tavula ‘mbandita  (la tavola imbandita)

83  ‘O maletiempo  (il cattivo tempo)

84  ‘A  cchiesa  (la chiesa)

85   Ll’ aneme o priatorio  (l’anima del purgatoio)

86  ‘A puteca  (la bottega)

87   Le  perucchie  (i pidocchi)

88  ‘E casecavalle  (i caciocavalli)

89  ‘A vecchia  (la vecchia)

90  ‘A paura  (la paura)

I numeri della Smorfia Napoletana sono stati copiati dalla pagina web interpretazionedeisogni.altervista.org, che mi ha gentilmente autorizzata a farlo.
Se questo articolo ti è piaciuto, torna a trovarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni anonime e rispettando la tua privacy, sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi